**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

10.11.2014

Cani donatori di sangue

Sapete che un cane può donare il sangue per salvare la vita ad un altro cane come avviene per l'uomo? In collegamento il dottor Emanuele Minetti medico veterinario a Milano. Dottor Minetti è proprio così?
"Si. E' appena nata la banca dati dei cani donatori di sangue: da oggi per la prima volta è possibile iscrivervi i propri cani (www.dogblooddonors.it) e ricevere l'analisi per la determinazione del gruppo sanguigno gratuitamente dal proprio medico veterinario.
La banca dati verrà utilizzata da tutti i medici veterinari iscritti in caso di necessità trasfusionale.
Il progetto, denominato DBD (Dog Blood Donors) è reso possibile grazie ad Almo Nature che, per mezzo del suo fondo solidale permanente "Almore Fund", sostiene le spese relative al costo del prelievo e del test per la tipizzazione del gruppo sanguigno del cane pagandole direttamente al vostro Medico Veterinario.
Un servizio gratuito per il proprietario del cane che aiuterà a salvare la sua vita in caso di gravi urgenze: infatti grazie a DbD tutti avranno la possibilità di trovare in tempi brevissimi un donatore compatibile già testato e controllato come sicuro.
Portate allora il cane dal vostro veterinario: maggiori saranno le iscrizioni maggiore sarà la possibilità per i Veterinari di salvare la vita a lui ed agli altri.
E se vorrete essere generosi potrete provare a fare diventare il vostro stesso cane un donatore – e non solo un ricevente! – per aiutare altri cani a guarire!
DbD è patrocinato dall'Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (ANMVI) e della Federazione Nazionale Ordine Veterinari Italiani (FNOVI).
Un circolo virtuoso che dobbiamo tutti tenere vivo, noi medici veterinari con i proprietari.

7.11.2014

Cindy tira al guinzaglio

Oggi rispondiamo ad Andrea che ci scrive perché ha un problema con la sua Cindy, labrador di 2 anni. Cindy tira moltissimo al guinzaglio e siccome sta per diventare papà vorrebbe risolvere il problema visto che sua moglie è la persona che si occupa di più di Cindy.Risponde Daniela Lisi, educatrice cinofila.
"Caro Andrea, è molto che non trattiamo questo argomento e mi fa molto piacere riprenderlo.
Scrivi nella tua mail che al momento Cindy va a spasso con un collare ed un guinzaglio lungo un metro. Questo mi fa subito identificare il problema.
Con il collare ed un guinzaglio così corto la povera Cindy non può fare altro che tirare. Prova ad osservarla quando andate a passeggiare… Riesce ad annusare in terrà? Riesce ad annusare qualcosa che si trova ad un metro da voi? Riesce a comunicare con i suoi simili?
Come dice Marzullo, fatti una domanda e datti una risposta. Sono sicura che la risposta sarà sempre uguale NO.
Quindi Andrea detto ciò… metti una pettorina ad H svedese a Cindy, allunga il guinzaglio a 3 metri e chiama un educatore che ti spieghi come utilizzarli. Vedrai che la tua vita cambierà!
Aprendo una parentesi veloce:
Chi ha detto che il cane deve passeggiare al nostro fianco? Perché dovrebbe farlo? Perché dovrebbe avere piacere a venire con voi la domenica pomeriggio avanti e indietro per il centro?
Anche se lui viene con noi simulando una gran felicità, la speranza è sempre quella di arrivare al parco e non in corso Buenos Aires a Milano
La passeggiata per il cane non è guardare le vetrine, andare a mangiare un gelato e chiacchierare con gli amici. La passeggiata per lui è annusare in terra, annusare di chi è quella pipì su quel palo, mangiare quel pezzo di focaccia che qualcuno ha fatto cadere ed incrociare qualche suo simile comunicandogli le migliori intenzioni dandogli un'annusatina al posteriore. Quindi, soffermatevi a pensare al perché il vostro cane vi sta tirando: guinzaglio corto? Noia?

6.11.2014

Nuova casa per gli "Orsi della Luna"

Per molti “Orsi della Luna” è un gran bel momento: Animals Asia, l'organizzazione internazionale che da anni si prende cura di loro, ha inaugurato nei pressi di Hanoi, quattro nuovi recinti in grado di ospitare fino a 80 esemplari. Una nuova casa quindi, grande e curata, per dimenticare l'incubo delle fattorie della bile.
Per la cronaca la maggior parte degli Orsi della Luna proviene direttamente dalle fattorie della bile del Vietnam, dove la sostanza viene prelevata direttamente dalla cistifellea aiutandosi con un catetere metallico o attraverso una pompa a ultrasuoni. Condizioni che li fanno trascorrere una vita di sofferenze, fra maltrattamenti e infezioni, liberati solo dalla morte.
Animals Asia lavora in Vietnam in collaborazione con il Ministero dell'Agricoltura e dello Sviluppo Rurale. La storica organizzazione ha firmato un accordo con il governo per il salvataggio e la riabilitazione di 200 esemplari. Quando questo numero verrà raggiunto, Animals Asia continuerà nella sua lotta per porre fine al traffico illegale di orsi destinati alle fattorie della bile.
Comunque ricordiamo che sono ancora 1.978 gli orsi ancora detenuti nelle fattorie vietnamite della bile, nonostante questa attività sia stata dichiarata illegale nel lontano 1992.
Siamo tutti con gli orsi.

5.11.2014

Fido "l'invidioso"

Che Fido sia intelligente non è una novità, lo sappiamo da millenni. La novità è un'altra: secondo quanto emerge da una ricerca condotta da una squadra di studiosi viennesi, i cani proverebbero anche invidia.
I dettagli dello studio sono stati pubblicati dalla rivista dell'Accademia nazionale americana delle Scienze e ha suscitato grande interesse,
Il lavoro si è basato su un'idea decisamente molto semplice: osservare la reazione di una coppia di cani ai quali viene chiesto di dare la zampa in cambio di un bocconcino. Inizialmente i due vengono premiati normalmente, poi dopo alcune volte ad uno dei due cani non viene più offerto il premio.
A questo punto il cane non premiato smette di dare la zampa e si infastidisce.
Per dimostrare che questo comportamento fosse dettato dall'invidia, i ricercatori hanno ripetuto l'esperimento con il cane che per il suo comportamento è stato identificato come “invidioso”.
Effettivamente il cane continuava a dare la zampa anche senza ricevere il premio a dimostrazione del fatto che, quando si trovava in coppia, non ubbidiva proprio perché irritato dalla presenza del cane premiato e per il quale provava invidia.
E' tutto
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.