**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

9.10.2014

Addio Excalibur

Excalibur il cane di proprietà dell'infermiera spagnola Teresa Romero, primo caso di Ebola in Europa è stato abbattuto. Inascoltate le proposte degli animalisti e le quasi 300mila firme raccolte in poche ore per una petizione sul web.
Ricordiamo che l'infermiera era stata contagiata in ospedale dopo aver assistito un missionario ammalato ma la vicenda del cane ha provocato molta emozione. Il marito dell'infermiera ammalata, costretto in isolamento, ha negato il suo consenso all'abbattimento dell'animale e quindi ha lanciato un video appello alla mobilitazione per salvarlo. Una cinquantina di animalisti ha passato la notte davanti all'appartamento dove era rimasto da solo il cane ed è stato necessario l'intervento della polizia per disperdere i manifestanti (guarda le immagini) che gridavano «Excalibur non sei solo»
Poi i pompieri hanno aperto l'appartamento e il cane è stato portato via in un'ambulanza. Un comunicato ufficiale afferma che sono stati riscontrati casi di cani «con anticorpi del virus dell'ebola», perchè questi animali possono avere il virus nel sangue ma non mostrare i sintomi della malattia. Ma gli animalisti contestano l'esistenza di questo rischio e affermano che si poteva scegliere di tenere il cane in quarantena.
Viva Excalibur

8.10.2014

Bimbi e animali

Bella notizia per tutti coloro che hanno bambini che convivono con un animale domestico. Uno studio tedesco del Centro ricerche nazionale per la salute ambientale di Monaco ha rivelato che un cane in casa aiuta a ridurre i rischi di allergie infantili.
Dopo oltre sei anni di osservazione di circa novemila bambini gli scienziati hanno concluso che vivere a stretto contatto con un animale domestico “allena” in sistema immunitario dei bambini ad essere meno sensibile. Tutto questo significa riduzione di asma, eczema e febbre da fieno.
Questa bella ricerca è pubblicata sull'European Respiratory Journal e spiega come l'animale domestico funzioni da training per il sistema immunitario infantile per via delle sostanze che si annidano nel pelo.

7.10.2014

I "cani da borsetta"

C'erano una volta i «cani da borsetta», ovvero chihuahua, Yorkshire, e carlini talmente piccoli da poter essere infilati in borsa. Una moda iniziata proprio dalle celebrità e che aveva trasformato il miglior amico dell'uomo in un accessorio irrinunciabile Una moda però già tramontata, perlomeno in Inghilterra, dove è ormai allarme accertato per il numero crescente di cagnolini versione mignon abbandonati al loro destino. I più fortunati vengono trovati da qualche anima buona e portati al più vicino canile, mentre gli altri muoiono per strada, spesso di fame e stenti.
«La gente è convinta che solo perché si tratta di cani in miniatura, questi richiedano meno esercizio e stimolazione mentale ma non è affatto vero. Ogni cane ha bisogno di sviluppare il proprio comportamento per non sentirsi annoiato, frustrato o stressato. La gente che li prende e li infila in borsa per portarli con sè, baciandoli e coccolandoli tutto il tempo, dimentica che così facendo nega a questi cagnolini la possibilità di essere tali, ovvero di sviluppare un normale comportamento canino.
Sappiamo bene che prima di prendere un qualsiasi cane bisognerebbe fare una ricerca approfondita per essere sicuri di scegliere l'animale più adatto al proprio modo di vivere». Insomma, basta farsi contagiare da uno slancio momentaneo, magari per imitare questa o quella celebrità: un cane non è né un giocattolo né, tantomeno, un accessorio che si può mettere in fondo all'armadio quando passa di moda. Un cane è un impegno per la vita e non un accessorio modaiolo». E pensare che fino a poco tempo fa l'Inghilterra era considerata una delle nazioni più dog lovers di tutte.
Ecco perché se avete deciso, dopo aver ben ponderato di adottare un animale, visitate la sezione dei canili in prontofido@prontofido.net

6.10.2014

Vaccinazione interscapolare

Mi chiamo Stefano, ho un gatto di 1 anno e 3 mesi, ultimamente gli è stata fatta la seconda iniezione per la vaccinazione alla leucemia nella zona interscapolare e a distanza di 5 gg. gli è comparso un nodulo di circa 1 cm. C'è qualche farmaco per riassorbire l'infezione? A questa mail risponde il Dottore Emanuele Minetti, Medico veterinario a Milano. "Buongiorno, purtroppo eseguire le vaccinazioni (ma tutte le iniezioni non vanno fatte lì!!!!) nella zona fra le scapole è da anni sconsigliato da tutte le linee guida.
Le vaccinazioni/iniezioni nei gatti devono essere eseguite negli arti posteriori (oppure nella parte del costato più posteriore) usando aghi di qualità e buona pratica ed attenzione.
In un gatto giovane come il suo, che manifesta subito dopo la vaccinazione una reazione avversa granulomatosa, si ritiene che essa sia destinata a riassorbirsi, quindi scomparire nella grandissima percentuale dei soggetti in tempi brevi.
Resta un gatto da seguire bene negli anni per verificare sempre la zona dell'iniezione stessa.
Oggi sappiamo che non è più il vaccino di per se a determinare sempre, come si è a lungo sostenuto, la neoplasia maligna (sarcoma) ma le iniezioni in genere, ed una predisposizione soggettiva poichè compaiono anche spontaneamente in senza alcuna iniezione in anamnesi.
Non esistono terapie specifiche nel caso del suo gatto, se non forse dei blandi antiinfiammatori per via orale.
Non si allarmi, ed attenda con fiducia che la lesione scompaia, la controlli ogni sera ma non la maneggi con forza.
Porti ogni settimana il gatto dal suo veterinario e poi la decisione sul da farsi spetterà a lui in scienza e coscienza.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.