**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

10.12.2014

Ecco il mini-panda con le ali

Come sappiamo i pipistrelli non suscitano grande simpatia. Ma una nuova specie scoperta in Sud Sudan ha le carte in regola per rientrare nell'elenco degli animali più carini del pianeta. Vi immaginate un mini-panda con le ali? a questo somiglia il Niumbaha Superba, un pipistrellino minuscolo che potrebbe accoccolarsi comodamente nel palmo di una mano. E che ha la caratteristica di essere ricoperto di un morbido pelame bianco e nero, con un motivo a macchie che ricorda il mantello del panda. L'esemplare di Niumbaha Superba è stato catturato nella riserva da un team di ricercatori che dopo aver esaminato il pipistrello-panda, ha concluso che è talmente inconsueto che era il caso di creare una nuova classe. Se volete vedere questo dolcissimo mini-panda con le ali www.prontofido.net 

9.12.2014

Tigri siberiane estinte tra vent'anni

In Cina le ultime tigri siberiane scompariranno nel giro di venti anni. La denuncia arriva dal Wwf cinese che in uno studio sottolinea che negli ultimi 70 anni il numero di questi felini è crollato da 300 a un numero che varia dai 18 a 22.
I bracconieri sono il vero nemico delle tigri siberiane, visto che non solo sparano alle tigri, ma cacciano anche gli animali selvatici che i felini mangiano, facendo così mancare loro il cibo.
Un altro pericolo è rappresentato dalle trappole che i bracconieri istallano per catturare gli animali: nelle 2 regioni cinesi abitate da tigri ci sono in media 2 trappole ogni 10 chilometri. Un altro pericolo è rappresentato dal taglio delle foreste, che mina l'ambiente naturale dove vivono i grandi felini.
Il governo cinese ha vietato la caccia e il taglio indiscriminato delle foreste nel 2000 ma non si sono fermate ne l'una ne l'altra pratica, rendendo difficili la vita alle tigri. Il Wwf denuncia anche il fatto che molte riserve sono gestite male, con poco personale non qualificato, e poi c'è poco controllo, e tutto questo non impedisce ai bracconieri di fare razzie. Per salvare il grande felino è necessaria una cooperazione internazionale, soprattutto tra Cina e Russia, entrambe patrie della tigre siberiana.

5.12.2014

Fiori di bach per Sophie

Oggi rispondiamo a Mirella che ci ha scritto perché ha una micina di due mesi che ogni tanto, durante il gioco morde forte e attacca con le unghie sfoderate.. Mirella scrive: “quando sgridavo gli altri miei mici smettevano ma Sophie no.
Non mi sembra di essere poco decisa! I fiori di bach mi possono aiutare? Risponde la dottoressa Gabriella Pieroni, medico veterinario ed esperta in floriterapia di bach.
"Sofhie e' un micia di due mesi che quando gioca tende a mordere molto forte e attacca sfoderando le unghie. Nonostante i ripetuti tentativi della proprietaria di interrompere questo gioco eccessivo che comporta morsi e graffi ,Sofhie non sembra volere obbedire.
Premesso che un cucciolo di due mesi sperimenta attraverso il gioco diversi comportamenti della sua specie,tra cui la lotta,in questo caso si nota un atteggiamento eccessivo rispetto alla normalita' soprattutto verso la proprietaria.
Molto probabilmente abbiamo di fronte un soggetto molto deciso con atteggiamenti di dominanza.
Sicuramente i fiori di Bach possono aiutare Sofhie a stabilire un equilibrato ed affettuoso rapporto durante il gioco e con la proprietaria ed anche ad attenuare la propensione a voler comandare.
Dal suo farmacista farei preparare una miscela di Fiori di Bach,senza alcool,dei seguenti rimedi:
Holly+Vine+Cherry plum .Ne dara' 4 gocce 4 volte al giorno mescolate a un bocconcino o aggiunte nell' acqua o nel latte per quindici giorni.
I cambiamenti saranno inizialmente molto graduali e di giorno in giorno piu' evidenti,fino a stabilizzarsi.
Puo' ripetere la terapia se durante la fase di crescita questo atteggiamento si ripresentasse.
Non ci sono controindicazioni ne' all' uso di farmaci ne' di trattamenti antiparassitari ne' di interventi"

4.12.2014

Giraffe in via d'estinzione

C'è allarme per le giraffe, lo sapevate? Pare proprio di sì, secondo un recente studio negli ultimi 15 anni le diverse specie di questo mammifero africano si sono ridotte del 40%: nel 1999 gli esemplari di giraffa erano 140mila, oggi sono 80mila. Una «tragedia dimenticata» secondo gli esperti che denunciano la necessità di nuove politiche di salvaguardia.
«La gente ama le giraffe ma considera scontata la loro esistenza - dice al «Times» il direttore della Giraffe Conservation Foundation Le cause che stanno portando alla drastica riduzione degli esemplari di giraffa sono molteplici e, come altre specie, vanno dal bracconaggio alla distruzione degli habitat naturali causata dall'uomo. Pensate che in Tanzania si crede che il midollo osseo e il cervello di questi animali sia in grado di curare l'Aids. Così testa ed ossa delle giraffe vengono e venduti a prezzi molto elevati».
Già due delle nove specie di giraffa presenti in Africa sono tra le specie più minacciate al mondo. L'ultima verifica è stata fatta nel 2010 e le giraffe non erano considerate in pericolo. Un caso esemplare è quello del Niger: cento anni fa migliaia di giraffe popolavano l'Africa occidentale, ma nel 1996 il loro numero era sceso a soli 50 esemplari . Il governo del Niger, però, ha applicato una rigorosa politica di tutela e oggi le giraffe sono circa 400.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653654655

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.