**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

23.1.2014

Il sorriso del delfino

"Il sorriso del delfino è il più grande inganno della natura, perché crea l'illusione che siano sempre felici Solo dopo un po' ti rendi conto che non stanno bene in cattività». Così, nel 2010 nel documentario premio Oscar «The Cove», l'ex addestratore del delfino Flipper raccontava come proprio durante il lavoro che lo aveva reso celebre e ricco, avesse imparato a capire quanto dolore e infelicità si celasse dietro all'atmosfera apparentemente gioiosa dei delfinari. Una “scoperta” che lo ha portato a impegnarsi in prima persona, come attivista, per fermare la cattura di questi animali destinati ai delfinari di tutto il mondo e in parte anche all'alimentazione umana (soprattutto in Giappone). Ma a distanza di 3 anni dal documentario-choc che raccontava la cattura e la mattanza dei delfini nella baia nipponica di Thajii, per questi animali il calvario continua. Anche in Europa dove solo Croazia, Cipro e Slovenia hanno vietato l'uso di cetacei in cattività a fini commerciali.
Secondo la regolamentazione europea i delfinari sono equiparati ai «giardini zoologici» e come tali sono tenuti a svolgere determinate attività di ricerca e informazione per il pubblico sulla vita dei delfini e altre attività «che possono generare benefici per la conservazione della specie».
Ricordiamoci che nessun essere vivente nasce per essere rinchiuso e i delfini, viaggiatori instancabili, non potranno mai adattarsi ad una vita completamente priva di stimoli. I loro complessi bisogni li rendono inadatti alla cattività, nonostante si cerchi di “arricchire” il loro habitat con palline e giocattoli vari. Per questo invitiamo a non visitare i delfinari per non essere complici dello sfruttamento di questi meravigliosi animali.

22.1.2014

Idgie e Ruth, un grande amore

Li hanno trovati una vicina all'altra per strada a Osteen, in Florida. Una è la bassotta Idgie di due anni pronta a difendere la sua amica Ruth di sette mesi, una gattina paralizzata agli arti posteriori.
Secondo i volontari che li hanno soccorsi i due animali non presentavano segni di maltrattamenti o malnutrizione, erano in buone condizioni e ancora puliti, probabilmente vivevano in una casa da cui certamente la gattina, data la sua disabilità, non avrebbe mai potuto fuggire.
Le due amiche sono state accolte da un rifugio per animali, dove pur di non separarle permettevano loro di dormire nello stesso box. I volontari hanno reso pubblica la loro storia, e il loro amore ha commosso molta gente. Fra tutti, si è fatta avanti la proprietaria di una particolare struttura specializzata nella cura e il benessere dei cani. «Quando Idgie riceve un regalo da qualche cliente, lei lo porta subito alla sua amica gatta - racconta la proprietaria -. Condivide tutto con Ruth. Ho visto tanti casi di amicizie fra cane e gatto, ma mai qualcosa del genere. Idgie si farebbe sparare per la sua Ruth».

21.1.2014

Angel delfina albina strappata al mare

Oggi vi presento Angel una bellissima delfina albina. Una specie rara e di una rara bellezza. Troppo rara e bella per non finire nel mirino di chi l'ha voluta strappare al suo mare aperto per rinchiuderla in una vasca.
E' successo a Taiji, nella baia della morte, e trasportata poi in un acquario giapponese dove diventerà un'attrazione per i turisti. E' stata catturata pensate con altri duecento esemplari: molti sono stati uccisi, come è successo alla mamma di Angel, altri sono stati presi per soddisfare le richieste di delfinari e acquari di tutto il mondo. Per Angel il suo essere albina la rende speciale, troppo allettante per chi usa gli animali per intrattenere turisti e visitatori che non immaginano cosa vuole dire essere estirpati dal proprio habitat per essere messi in una prigione.
Comunque l'opinione pubblica di tutto il mondo si sta mobilitando per lei. Le immagini della sua cattura sono state viste da moltissime persone e sul web si è anche diffuso un video di Angel che nuota nello spazio angusto di una vasca. In molti si stanno muovendo firmando una petizione online con la speranza che, data la rarità dell'esemplare, almeno questa volta venga liberato.
Firmiamo quindi tutti per liberare Angel, questo angelo albino.

20.1.2014

Il mio gatto è ciccione

Eccoci allo spazio del veterinario oggi rispondiamo a Laura. Ecco la sua mail:
buongiorno dottor Minetti, il mio gatto è obeso, pesa 10 kg. Posso dargli delle pillole di garcinia, lui ha sempre fame, mangia umido al tonno più 100 di crocchette alla trota e riso ... che dieta mi consiglia? Grazie
Risponde il dottor Emanuele Minetti, medico veterinario a Milano.
"Da ciò che lei racconta ci troviamo davanti ad una vera e propria malattia e non ad un semplice sovrappeso "estetico".
Poichè questa situazione non deve essere presa sottogamba, cercando una scorciatoia utilizzando delle sostanze anoressizanti oppure che inducono sazietà secondaria, le consiglio di iniziare un percorso molto serio.
Il primo passo è fare eseguire una accurata visita generale ed un pannello di esami del sangue e delle urine completi. Negli esami del sangue sarà anche opportuno prevedere se possa essere utile valutare la funzionalità tiroidea ed eventualmente quella surrenalica.
Ma se come proprietari non modificate l'atteggiamento nei confronti del vostro gatto la situazione quasi sicuramente diventerà sempre più grave e foriera di guai sempre più seri.
Infatti il gatto non apre le scatolette, non va al supermercato od al ristorante, non si alza di notte ad aprire e saccheggiare il frigorifero di casa.
Le dosi di cibo che gli fornite sono spaventosamente esagerate, quindi piano piano dovete scendere, giorno per giorno.
Dovete inoltre utilizzare alimenti specifici - sul mercato ne sono disponibili parecchi, anche appetibili e che funzionano bene - per combattere l'obesità e che a parità di massa e peso forniscono dal 20 al 30% di calorie in meno.
Sarà una lotta dura, soprattutto con voi stessi, e la dovrete fare con il vostro veterinario curante che vi aiuterà, anche per esempio prescrivendo i feromoni appaganti e dandovi consigli sull'arricchimento ambientale per stimolare il gatto - sicuramente pigrissimo ed indolente - a riprendere un minimo di attività fisica e di gioco.
Buon lavoro, e non abbiate fretta di raggiungere i risultati, ci vuole tempo e pervicacia.
------------
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.