**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

12.1.2012

Restituite l'Oscar a Rin Tin Tin

Restituire l'oscar scippato a Rin Tin Tin. Questa è la richiesta ufficiale presentata all'Academy di Hollywood dalla scrittrice americana Susan Orlean, autrice del libro Rin Tin Tin: l'autrice ha raccontato dettagliatamente come nel 1929, il primo anno in cui furono assegnati gli Oscar, Rin Tin Tin fosse stato «l'attore protagonista» più votato per l'assegnazione del prestigioso premio, ma i giurati preferirono ripetere lo scrutinio e conferire la statuetta alla star tedesca Emil Jannings.
Rin Tin Tin, che secondo la leggenda fu trovato da un soldato statunitense in un canile bombardato prima della Prima guerra mondiale, divenne presto con i suoi film l'immagine della libertà e della giustizia americana. Portato negli Usa fu addestrato dal suo padrone e un giorno fu notato da un produttore cinematografico che immediatamente lo scritturò. Fu protagonista di celebri film e morì all'età di 12 anni tra le braccia dell'attrice americana Jean Harlow.
Hollywood l'ha onorato con una stella nella mitica "Walk of Fame" e la sua biografa spera che già quest'anno l'Academy gli restituisca l'Oscar ingiustamente sottratto.
Restiamo in attesa, vi terremo informati

11.1.2012

La giusta alimentazione se fido arriva dal canile

Posta del veterinario: Sabina ci scrive: Circa un mese fa ho adottato presso un canile un breton femmina di circa 7-8 anni. Vorrei avere un parere obiettivo circa l'alimentazione;i negozi di articoli animali consigliano naturalmente crocchette ma tante persone dicono di variare l'alimentazione dando al cane anche dell'umido . Considerando che ora il suo peso è di circa 15 kg e che è stata operata da poco per un tumore cosa mi consiglia?
Risponde il dottor Minetti vice presidente dell'ANMVI LOMBARDIA e medico veterinario in viale monteceneri 64 a Milano. Buongiorno dottor Minetti
"Buongiorno, le dovrei rispondere in modo laconico che serve solo la consulenza di un veterinario.
Infatti l'alimentazione corretta e bilanciata deve essere valutata da chi cura l'animale, così come fa il medico con noi umani. Tutto ciò che lei dice è frutto non di conoscenza vera ma solo di sentito dire, di leggende metropolitane, di semplificazioni estreme, non certo corretto nè assoluto.
Non esiste un "meglio" che si adatta a tutti, e ciò che è meglio per alcuni può essere male per altri animali. Anche una dieta fresca casalinga ha eccellenti caratteristiche che per esempio non ha una dieta industriale, basta sia formulata bene; così una dieta industriale secca può dare disturbi o intolleranze al pari di quella umida, che differisce di ben poco se non in tenore di acqua e modo di preparazione industriale. Ciò che conta è che la dieta sia: bilanciata, digeribile, corretta in apporto calorico, formulata sulla base delle esigenze del singolo soggetto.
Per questo motivo esistono decine di diverse formulazioni in commercio, moltissime assolutamente sovrapponibili fra loro ma moltissime invece dedicate sia a fasce precise di età, sia a problemi clinici, sia a vere malattie intercorrenti.
L'unica dieta sbagliata è quella non dedicata al soggetto singolo
Spero di averla convinta a parlarne con il suo veterinario curante e qualora non avesse piena soddisfazione ad ogni domanda può rivolgersi ad altri colleghi."



10.1.2012

Randy: il montone superstar

In Gran Bretagna è nata una stella, si chiama Randy, ed è un bellissimo montone. La sua è una vicenda alquanto singolare che è stata raccontata dal popoplare Sun, ma persino la seriosa Bbc lo celebra come una «star».
Ma vediamo come sono andate le cose: l'ariete «Randy» (dall'inglese: libidinoso) nel luglio scorso è fuggito da una fattoria dell'Inghilterra centrale: è balzato sopra una siepe di un metro e mezzo finendo poi nel recinto riservato alle femmine. E non ha perso tempo. Nell'arco di una sola giornata ha ingravidato un terzo delle 109 pecore presenti. Ora, secondo il tabloid, alcuni esami hanno dimostrato che il «Romeo a quattro zampe» è padre di 33 agnelli; 15 sono già nati.
Il contadino Ryan Thompson, che lavora nella fattoria descrive l'ariete Randy alla Bbc come «giovane e vivace». Ha ammesso di essere rimasto sbalordito nello scoprire che il montone aveva ingravidato un così alto numero di pecore, in così poco tempo. In ogni caso quella performance lo ha salvato dal macello: il suo destino era infatti quello di diventare costolette e arrosto da servire sulle tavole inglesi per Natale. Adesso, il contadino Thompson intende tenere l'animale. Anche perchè Randy è ormai sulla strada del successo e da vero «macho» si è già messo in posa per giornali e tv. Se volete vedere Randy venite su www.

9.1.2012

Barriere coralline in pericolo

Entro la fine del secolo le barriere coralline potrebbero sparire da quell'angolo della Terra dove sono presenti in maggiore densità, il cosiddetto «Triangolo dei coralli» che si estende tra le coste e i mari di sei Paesi indonesiani: Filippine, Malesia, Papua Nuova Guinea, Isole Salomone e Timor Est. Pensate, qui si trovano il 76% delle specie di coralli censite in tutto il mondo e oltre il 35% delle specie di pesci presenti nelle barriere coralline, compreso il tonno. A lanciare l'allarme sulla sopravvivenza di questo ecosistema è il Wwf, che in occasione della Conferenza mondiale degli oceani, ha presentato uno studio realizzato da un team di esperti - biologi, economisti, studiosi di ecosistemi - che si sono avvalsi di oltre 300 analisi scientifiche. La ricetta individuata non è nuova: ridurre le emissioni di gas serra con investimenti internazionali che rafforzino l'ambiente naturale della regione. Una gestione efficace delle risorse costiere, che includa reti regionali di aree marine protete, la protezione delle mangrovie e dei letti dei fiumi e una buona gestione del pescato si tradurranno in un declino più lento di queste risorse».
La scadenza individuata per elaborare le strategie di difesa è quella del prossimo dicembre, quando a Copenhagen avrà luogo la Conferenza delle parti della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite. Sarà lì che bisognerà trovare un intesa sulla riduzione delle emissioni di gas serra. Noi restiamo in attesa e intanto …..

Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.