**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

30.6.2016

I mammiferi hanno rimpiazzato i dinosauri

La lunga e controversa storia dei dinosauri e gli studi sulle cause della loro estinzione si arricchiscono di nuove ipotesi. La caduta di una cometa o di un asteroide non è più considerata la causa principale dell'annientamento dei grandi animali che hanno dominato la Terra per 150 milioni di anni. Quando sono scomparsi, 66 milioni di anni fa, già da una decina di milioni di anni le loro specie erano in decadenza e impoverite e l'evento catastrofico piovuto dal cielo è ritenuto oggi come il colpo finale su un mondo animale ormai prossimo, comunque, alla scomparsa
«La loro decadenza – sottolinea Chris Venditti, biologo evoluzionista e co-autore delle indagini – ha lasciato molto spazio ai mammiferi al cui gruppo noi apparteniamo e alla loro espansione anche prima dell'impatto fatidico. Proprio i mammiferi hanno rimpiazzato i dinosauri nel dominio del pianeta».
Quindi la caduta del corpo celeste di cui è stata trovata traccia sotto la penisola dello Yukatan e che ha scaraventato nell'atmosfera milioni di tonnellate di polveri ha certamente cambiato pesantemente il clima influenzando l'ecologia della Terra. Ma è stata soprattutto la debolezza riproduttiva dei dinosauri a decretare infine la loro cancellazione dalla superficie. Tuttavia ad aver pesato sul loro decadimento naturale sembra si debbano aggiungere alcuni fattori come l'attività vulcanica e la frantumazione delle masse continentali. Il risultato positivo è comunque il fatto che la loro fine ha segnato il nostro inizio.

29.6.2016

Divani e scarpe fatti con mele

Avete mai visto scarpe e divani fatti con le mele? O meglio, con quello che resta delle mele. È il segreto dei «bioprodotti» cioè il tesoro nascosto dell'Italia: quello degli scarti agroalimentari, delle deiezioni animali e dei sottoprodotti agricoli che possono essere trasformati appunto «bioprodotti». Ogni anno se ne producono 160 milioni di tonnellate che devono essere sfruttati adeguatamente. Dagli scarti industriali della mela si comincia a produrre la «cartamela» per fazzolettini di carta e rotoli da cucina e la «pellemela» per le calzature e i rivestimenti di divani.
Tutto questo è il quadro tracciato durante BioEnergy Italy, il salone delle tecnologie per le energie rinnovabili. Quello dei bioprodotti è un mercato che a livello europeo vale già 20 miliardi di euro e che in 16 anni raddoppierà a 40 miliardi, occupando circa 93 mila addetti.
Ma non è tutto: Tra i residui agricoli si trovano sostanze come siero di latte, licopeni dalle bucce di pomodoro, polifenoli dalla sansa di olive, che hanno un elevato valore nutrizionale e salutistico e possono fornire basi naturali per la cosmesi. Ad oggi sono diverse le aziende italiane impegnate nell'estrazione di queste sostanze dalle biomasse vegetali e nella formulazione di biocosmetici. Si possono ottenere diversi prodotti cosmetici, tra cui latte detergente, tonico, creme per viso e corpo, per i massaggi.
Viva la bioenergy

28.6.2016

Ecco il mini-panda con le ali

Come sappiamo i pipistrelli non suscitano grande simpatia. Ma una nuova specie scoperta in Sud Sudan ha le carte in regola per rientrare nell'elenco degli animali più carini del pianeta. Vi immaginate un mini-panda con le ali? a questo somiglia il Niumbaha Superba, un pipistrellino minuscolo che potrebbe accoccolarsi comodamente nel palmo di una mano. E che ha la caratteristica di essere ricoperto di un morbido pelame bianco e nero, con un motivo a macchie che ricorda il mantello del panda. L'esemplare di Niumbaha Superba è stato catturato nella riserva da un team di ricercatori che dopo aver esaminato il pipistrello-panda, ha concluso che è talmente inconsueto che era il caso di creare una nuova classe. Se volete vedere questo dolcissimo mini-panda con le ali www.prontofido.net

27.6.2016

Il dramma dell'Oro dell'est

Siamo ad nizio giugno 2016: dodici persone indagate, due sottoposte agli arresti domiciliari e trenta cuccioli di cane sequestrati.
Questi i risultati dell'operazione “Oro dell'est” condotta dal Corpo forestale dello Stato a Lodi.
Cuccioli di razze pregiate importati illegalmente dall'Ungheria all'interno di contenitori di cartone o cassette da frutta, privi di luce ed aria, e messi in vendita in Italia attraverso vari canali a prezzi di mercato.
Troppo spesso sentiamo notizie di questo tipo e ci sembra sempre una novità, un fulmine a ciel sereno. Ma non è così.
Bisogna sempre stare molto attenti a non alimentare i traffici illegali, quindi verificare con attenzione i documenti e la provenienza degli animali che ci propongo da acquistare. Meglio spesso adottare un animale in un canile ed evitare l'affare a basso prezzo ma alto rischio.
I cuccioli sequestrati in questo caso non avevano più di 40 giorni e non - come prevede la legge - 3 mesi e 21 giorni per l'introduzione di cuccioli provenienti da Paesi sottoposti a vincoli sanitari come l'Ungheria. Inoltre i cani vengono venduti sia falsamente vaccinati sia spesso “dopati” da antibiotici allo scopo di celare le patologie. Ecco perché, successivamente all'acquisto, spesso si ammalano e muoiono prematuramente o presentano gravi patologie invalidanti.
Attenzione quindi, non fatevi fregare, state lontani da questi mercanti di morte.
Emanuele Minetti
Medico veterinario
www.biessea.com
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.