**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

15.10.2009

Italia: 25.000 cani uccisi

Preparatevi ad una brutta notizia. Ogni anno in Italia vengono uccisi almeno 25 mila cani, tra randagi e di proprietà. Secondo l'Aidaa, a questi numeri vanno aggiunti almeno 5 mila cani che ogni anno rimangono vittime di incidenti di caccia. La maggior parte dei randagi viene uccisa con bocconi avvelenati che da qualche mese sono proibiti per legge, ma in alcune regioni del sud diverse centinaia di cani randagi sarebbero stati eliminati a fucilate in vere e proprie battute di caccia organizzate anche con il tacito consenso delle amministrazioni locali. I dati sono stati raccolti tra settembre 2008 e agosto 2009 e «vanno a sommarsi agli oltre 750mila cani maltrattati e tenuti in condizioni di vita inadeguata».
Non mancano comunque episodi di abbattimento di gruppi di cani randagi anche al Nord, alcune segnalazioni sono giunte dalla Lombardia, dal Veneto e dal Piemonte anche in questi casi il metodo preferito è quello dello spargimento di polpette avvelenate, che provocano agli animali una morte lenta ed atroce.
Capitolo a parte per i circa 4 mila casi di cani di proprietà uccisi direttamente dai proprietari o in quanto anziani e abbattuti senza ausilio dell'eutanasia. Pensate che ci sono poi casi di atti di vero e proprio sadismo nei confronti di cani ammazzati attraverso strangolamento, o legati dietro ad automobili e fatti correre fino alla morte, o di cani seviziati dai proprietari e poi finiti a colpi di bastone.
Non è tutto: «Migliaia di cani» tenuti in canili e rifugi «controllati dalla malavita» sarebbero stati soppressi «ma la loro morte non sarebbe segnalata in quanto continuando a risultare ospiti dei canili la malavita che gestisce queste strutture, intascano migliaia di euro al mese dagli enti locali per il mantenimento di cani che in realtà sono morti».
Notizie spaventose oggi firmate AIDAA . E' tutto


14.10.2009

Regole d'oro per i nostri vecchietti

Ieri abbiamo parlato di come oggi i cani vivano allegramente oltre i 15 anni ed i gatti i 20.
E' anche vero però che i nostri amici dipendono esclusivamente da noi per quanto riguarda la durata e la qualità della loro vita e allora, come promesso, ecco alcuni consigli per migliorare la loro esistenza e garantire loro una maggiore longevità.
Prendete nota:
IL CIBO - Non nutrire troppo il cane: bisogna poter sentire le costole, senza vederle
I COMANDI - Insegna al tuo cane finché è cucciolo a obbedire ai comandi gestuali: quando comincerà a diventare sordo con l'età potrà capire quello che gli chiedi
I DENTI - Proteggi denti e gengive spazzolandoli regolarmente, per prevenire infezioni che possono danneggiare organi interni come cuore e reni
I LIVIDI - Non trascurare grumi o lividi negli animali più anziani. Il cancro si può curare molto bene, ma solo se riconosciuto in tempo
L'ARREDAMENTO - Se la vista del tuo animale è compromessa, lui può ancora orientarsi con l'olfatto. Però è sempre meglio non cambiare la disposizione dei mobili
Per riascoltare questi consigli: www.prontofido.net

13.10.2009

Cani e gatti sempre piu' longevi

Secondo vari studi condotti negli ultimi anni , non è raro trovare cani che campano fino a quindici anni e gatti che toccano i venti. I veterinari parlano di una vera e propria rivoluzione che ha completamente stravolto i tradizionali parametri di longevità canina e felina.
Per calcolare l'età di un cane in rapporto alla nostra, una volta si usava moltiplicare un anno canino per sette. Ma la formula si è rivelata inadeguata anche perché le specie di taglia media e piccola e gli incroci vivono più a lungo dei cani di taglia gigante. Eppure secondo gli addetti ai lavori la longevità degli animali domestici dipende soprattutto da noi perché Le scelte che operiamo per loro determinano la qualità e la durata della loro esistenza», il dott. Richard T. Goldston, esperto di gerontologia veterinaria. Dice che «Invece di imbottire i nostri cuccioli di cibi ad alto contenuto di proteine, calcio e fosforo sarebbe meglio somministrare loro alimenti per cani adulti, che contengono dosi minori di vitamine e minerali». Le parole d'ordine: dieta ed esercizio.
I veterinari concordano che cani e gatti snelli vivono in media due-tre anni in più di quelli sovrappeso. «È importante evitare accumuli adiposi, soprattutto nei cuccioli — ci spiega ancora l'esperto —, bisogna dar loro almeno tre anni per raggiungere le dimensioni di adulti, senza metterne sotto stress lo scheletro e gli organi interni come il cuore» .
L'argomento dei nostri amici vecchietti non finisce qui, Domani qui al Magazine vi leggerò alcuni consigli utili per chi come me convive con un animale non più giovanissimo.
A domani.

12.10.2009

Meno hamburger, piu' foreste

Oggi lanciamo una sfida: Un hamburger in meno per salvare ettari di foreste. Parte infatti la VegRace, la prima maratona virtuale lanciata dalla Lav attraverso il nuovo sito cambiamenu.it.
I partecipanti saranno chiamati a prendere piccole ma significative scelte alimentari che potranno concretamente salvare il pianeta, con benefici per la propria salute e per gli animali. A sostenere il varo dell'iniziativa anche diversi testimonial d'eccezione, tra cui Licia Colò e il filosofo e docente universitario americano Tom Regan, considerato uno dei padri del riconoscimento dei diritti degli animali .
Qualche dato può essere illuminante: per produrre 1 chilogrammo di carne bovina sono necessari oltre 15.000 litri d'acqua e 15 chili di cereali, si distruggono 35 metri quadrati di foresta e si producono 36 chili di Co2.
Insomma, secondo i dati della Lav, ogni animale allevato produce un inquinamento pari a 30 volte il suo peso e il 18% delle emissioni globali di
gas serra deriva dagli allevamenti. Dopo essersi informati, si potrà decidere di partecipare alla VegRace rinunciando all'hamburger settimanale o al ragù di carne per salvare, mese per mese, ettari di foresta spazzati via dagli allevamenti e, perché no, migliorare la propria salute visto che i dati scientifici dimostrano che i vegetariani hanno un minore rischio di obesità e diabete (80% in meno rispetto ai carnivori). Giorno per giorno, sul sito, si potranno contare e verificare gli obiettivi raggiunti.
Ma non è tutto: il 14 ottobre alla Camera dei Deputati sarà presentata la proposta di legge bipartisan per garantire l'opzione vegetariana nelle mense e nei luoghi di ristoro pubblici e privati, una sorta di «par condicio» alimentare. Per l'occasione anche i deputati mangeranno vegetariano con lo chef Pietro Leemann che si occuperà del menù del ristorante interno della Camera.
Con questo è tutto per oggi.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653654655656657658659660

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.