**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

29.7.2016

Viaggio con micio

Ieri qui al Magazine degli animali abbiamo parlato di come viaggiare con fido. Oggi come promesso diamo qualche consiglio per il viaggio con il gatto.
•Il gatto non può fermarsi a sgranchirsi le zampe o prendersi una boccata d'aria… il viaggio in macchina può essere stressante tanto per la naturale avversità del gatto ai luoghi non familiari, quanto per il “mal d'auto”.
•prima del viaggio è bene effettuare alcuni “viaggi-prova” per far conoscere al gatto l'ambiente dell'auto, rimanendo magari prima fermi con il micio chiuso nel trasportino.
•i cuccioli che imparano subito a viaggiare in macchina con gli anni avranno sempre meno problemi fino al punto di superarli completamente.
•come le persone, anche il gatto soffre di più l'auto se viene collocato sul sedile posteriore: teniamolo quindi nel trasportino sul sedile accanto a quello di chi guida
•coprire il trasportino con un panno (sarà considerato come un riparo dal mondo esterno) e attrezzarlo con giochini vari (evitare prodotti masticabili che invece potrebbero creare problemi di digestione) in grado di distrarlo dal viaggio.
Se volete rileggere tutti i nostri consigli per un viaggio sereno con il nostro amico www.prontofido.net

28.7.2016

Viaggio con i nostri amici

Dal Magazine degli animali qualche consiglio su come viaggiare con il proprio amico a 4 zampe. “Meglio tenere gli animali a digiuno prima del viaggio o, se è molto lungo, somministrargli brevi spuntini di cibo secco. Tenere sempre a portata di mano dell'acqua fresca. gli accorgimenti per un viaggio sereno sono vari anche se semplici”. come
•applicare ai vetri dell'auto tendine parasole per evitare la luce diretta del sole
•se non si dispone di aria condizionata, evitare di viaggiare durante le ore più calde della giornata
•mai lasciare animali in auto da soli
•bagnare occasionalmente il muso e la fronte per rinfrescarlo
•trasportare gatti, furetti e conigli sempre in gabbia o trasportino
•per tutta la durata del viaggio l'auto deve essere ben areata per evitare colpi di calore, ma senza esagerare per il rischio, opposto, di colpi d'aria
Per cani in particolare
•lasciarlo a digiuno per le 6-8 ore che precedono il viaggio; se si passa in macchina molto tempo, si possono dare piccoli pasti con cibo secco, preferibile sia per praticità che per minore possibilità di deterioramento a causa di sbalzi di temperature
•dare anche poca acqua sia prima della partenza che durante il percorso stesso, anche se fare bere (poco) ma spesso è fondamentale soprattutto nei periodi molto caldi
•se il tragitto richiede molte ore, programmare delle soste per permettergli di “sgranchirsi” le zampe e fare pipì. Domani parleremo del viaggio con il gatto.

27.7.2016

Viva le api

Avete mai pensato che le api sono un simbolo di socialità? Producono dolcezza (e cera) e poi le vere protagoniste dell'alveare sono operaie, e questo ce le rende ancora più preziose. Di loro non si parla mai abbastanza, soprattutto perché sono un formidabile bioindicatore della salute ambientale. È arcinota la profezia attribuita ad Einstein secondo cui, «se l'ape scomparisse dalla faccia della Terra, all'uomo non resterebbero più di quattro anni di vita». Da anni studiosi di tutto il mondo osservano gli alveari per misurare il grado di inquinamento di città e campagne: Le api di un alveare perlustrano un territorio abbastanza ampio, anche di tre chilometri e, portano a casa sostanze inquinanti; molti veleni si rivelano analizzando il miele. Nei loro corpi si trovano residui di pesticidi, nel polline metalli pesanti, residui di fitofarmaci irrorati sulle piante. Ma non è tutto: le api non sono esseri «inferiori»: il loro occhio, come quello delle mosche, è più acuto del nostro, può percepire oltre 200 impressioni ottiche al secondo, il nostro a malapena 20. Sono sul pianeta da milioni di anni, «sensori viaggianti», sentinelle ecologiche per eccellenza.
Viva le api!

26.7.2016

Allergia al pelo del gatto

Il pelo dei gatti provoca una crisi di starnuti? C'è la soluzione. Un team di scienziati dell'università di Cambridge ha scoperto come si innescano le reazioni allergiche ai gatti e come il sistema immunitario rileva i suoi allergeni, scatenando attacchi di tosse e altri sintomi.
Sapere di più sul meccanismo alla base dell'allergia, infatti, aumenta le speranze di sviluppare farmaci per proteggere chi ne soffre. I ricercatori dell'ateneo di Cambridge, hanno studiato le proteine trovate in particelle di cute “felina”, note come forfora di gatto, che è la più comune causa di allergia. E hanno scoperto che gli allergeni attivano un percorso specifico all'interno del corpo, come se fossero in presenza di una comune tossina batterica. Si innesca così una risposta immunitaria causando sintomi come tosse, starnuti, naso che cola.
L'allergene del gatto è particolarmente difficile da evitare in quanto è una molecola “appiccicosa” che viene trasportata ovunque su scarpe e vestiti. Si ritrova nelle case dove ha vissuto un felino anche a distanza di anni. Queste nuove informazioni, concludono gli esperti, potrebbero rivelarsi utili anche per altri allergeni come quelli del cane e degli acari della polvere.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.