**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

7.3.2008

I difetti di comportamento di fido

Daniela Lisi l'educatrice cinofila di Prontofido ci parla dei maggiori difetti di comportamento dei nostri amici e di come risolverli:
"Quello che voglio fare oggi è un vero e proprio appello alle persone che hanno un cane che non riescono a gestire e si sentono talmente frustrate e stanche che pensano che l'unica soluzione sia il canile. Non è così!
Negli ultimi anni la figura dell'educatore cinofilo e quella del comportamentalista sono diventate molto importanti nella relazione uomo/cane.
Dobbiamo ricordarci che il cane è diventato un animale domestico perché noi uomini abbiamo deciso di addomesticarlo ma non per questo tutti noi siamo in grado di farlo.
A volte banali errori durante l'educazione del nostro cane possono portarci a vivere delle situazioni insostenibili:
-   tira troppo
-   scappa
-   abbaia di continuo
-   è aggressivo
-   distrugge tutto etc..
Sono tutti problemi risolvibili rivolgendosi ad un esperto che farà in modo di migliorare la qualità di vita tra noi ed il vostro amico.
Non abbandonate il vostro cane in un canile.
Se lo amate aiutatelo ad avere un'educazione corretta.

6.3.2008

Cani poliziotto con scarpe

Rex, il poliziotto a quattro zampe non ha problemi, schizza da una parte all'altra, rompe finestre e si getta a capofitto anche nei vetri, nella realtà però non è così, le zampe dei cani poliziotto spesso si feriscono durante le varie azioni ed è per questo che a Dusseldorf sono state ideate delle speciali scarpette di plastica blu apposta per loro.
“Non è certo una questione di stile, commenta il portavoce della polizia Andre Hartwich, ma intendiamo proteggere le zampe dei nostri colleghi cani. Il centro storico della nostra città è pieno di pub e locali, qui i cani spesso inciampano nelle bottiglie rotte e si feriscono. Non credo che le gradiranno, ma dovranno abituarsi.”
Attualmente le scarpe dei cani poliziotto tedeschi sono disponibili in tre misure: M, L e XL e sono celesti o blu.

5.3.2008

E' grassa: condannata a morte

Minnie è una bella Labrador di sei anni dagli occhioni dolci, ma ha un solo problema, è in soprappeso e per questo i suoi padroni l'hanno condannata a morte decidendo di sopprimerla.
Per sua fortuna è intervenuta in extremis un amante degli animali che l'ha messa subito a dieta.
Risultato: in soli cinque mesi Minnie ha perso la bellezza di 13 chili scendendo da 59 a 46 e grazie alla sua nuova linea è stata scelta come volto di una campagna per sensibilizzare il pubblico sui rischi degli animali obesi.
Garry Bristow, il nuovo padrone di Minnie ha commentato: “E' stata una bella sfida prendersi cura di una cagnolona così grassa, all'inizio non riusciva a fare nessun esercizio, ma grazie alla dieta del veterinario è riuscita per la prima volta a fare le scale. C'è ancora molto da fare, ma ne vale proprio la pena”.
Minnie è stata anche ospite d'onore della conferenza europea sul problema di soprappeso tra gli animali domestici a Londra presso il Welcome Centre dove è stato lanciato il progetto di ricerca su questo tema.
Un bacio grande a Minnie

4.3.2008

Animali: un business da 3 miliardi

Dagli ultimi risultati del rapporto Zoomafia 2007 della LAV emerge che lo sfruttamento illegale degli animali rende alla criminalità organizzata circa 3 miliardi di euro l'anno.
Nel rapporto della LAV è sottolineato che se fino a poco tempo fa la vera emergenza erano i combattimenti, adesso c'è quella delle corse ippiche clandestine che rende circa 1 miliardo l'anno.
E poi ci sono i furti di animali di allevamento, pensate ogni anno sono coinvolti circa 100 mila capi di bestiame.
Esistono anche i reati di bracconaggio, traffico di fauna esotica protetta e poi il business legato ai cani in arrivo dai paesi dell'est, ogni anno vengono importati illegalmente in Italia 30 mila cuccioli, poi c'è il business della gestione dei canili lager e sui randagi che rende circa 500 milioni di euro l'anno.
Dopo questo elenco di orrori vorrei chiudere con la frase di un grandissimo uomo, un uomo che rispettava ogni essere vivente: dal più grande al più infinitamente piccolo:
LA GRANDEZZA DI UNA NAZIONE E IL SUO PROGRESSO MORALE POSSONO ESSERE GIUDICATI DAL MODO IN CUI TRATTA GLI ANIMALI.
MAHATMA GANDHI.

Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.